Generare e alimentare la lista clienti

Un tema trasversale, efficace e, ahimè, sottovalutato  dalla maggior parte degli imprenditori è rappresentato dalla lista clienti. Ti darò qualche spunto per trasmetterti quanto sia importante generare e alimentare la tua lista clienti. 

Ho appositamente iniziato l’articolo definendo questa attività come “trasversale”. Ti invito a leggere  queste righe con la consapevolezza che potrai applicare i contenuti alla tua attività.

Come al solito cercherò di parlarne senza tecnicismi e con l’utilizzo di esempi concreti.

PREMESSA: CLIENTE VS PRODOTTO

Per calarsi nella parte è necessario assumere un atteggiamento, che certamente ti sarà già ben chiaro, di tipo “cliente centrico”, infatti, l’epoca in cui si vendeva perché avevamo il prodotto è finita. 

Il cliente assume oggi un ruolo fondamentale: procedure pratiche e tangibili di attenzione, contenuto, coinvolgimento e verifica della sua soddisfazione sono elementi indispensabili per generare business.

Tutto ciò che ti condivido si basa su questo concetto. 

Oggi il tuo prodotto è la certezza (diamo per scontato che sia di qualità –  e se non lo è hai un altro tipo di problema), senza questo requisito non c’è business. Va da sé che ogni cliente o semplicemente ogni persona con cui entri in contatto è una risorsa da valorizzare.

COME GENERARE LA LISTA CLIENTI

Vorrei essere il più diretto e chiaro possibile, per cui ti propongo alcuni esempi pratici.

Gestione di un negozio 👉Ogni persona che entra non deve uscire senza averti lasciato i suoi contatti.

Gestione di un ristorante 👉Chiunque mangi da te deve lasciarti i suoi contatti. 

E così via per qualsiasi attività tu svolga!  È tuo preciso dovere trovare il miglior modo per far si che le persone con cui entri in contatto si rendano disponibili a condividerti la loro email. 

Avrà un piccolo costo (ad esempio offrire un amaro post cena in cambio dell’email, regalare un adesivo del tuo brand in cambio della mail..) ma non è possibile che nel 2020 la maggior parte degli imprenditori non pensi a creare una lista clienti!

OK, GENERO LA LISTA! MA A COSA MI SERVE?

Serve a creare un rapporto nel tempo con le persone che entrano in contatto con te e la tua realtà.

La lista può avere diverse funzionalità, banalmente utilizzata per inviare comunicazioni di servizio o, in maniera specifica e scientifica (si, la statistiche sulle azioni dei clienti per ogni campagna mail sono prevedibili – grazie all’analisi dello storico che avrai a disposizione e alla misurazione dell’efficacia), diventare lo strumento di marketing più efficace per la tua attività (possibilità di comunicare messaggi diretti a clienti specifici)

Torniamo agli esempi: 

Il ristorante. Avendo la possibilità di comunicare con tutte le persone che sono state da te almeno una volta potrai effettuare campagne mirate per invitare quel pubblico a determinati eventi ( ad esempio una campagna fatta ad hoc per riempire i coperti di un turno che solitamente fai fatica a coprire – mangi in 2 paga 1, 1 bottiglia di vino (buono) omaggio ogni 2 persone a cena, ecc)

Il negozio (esempio di abbigliamento). Poter organizzare eventi ad hoc (magari aperture speciali serali) dedicati solo al tuo pubblico (con invito) che avrà diritto a sconti particolari (magari prima dei saldi).

SENTI ANCHE TU LA FORZA DI QUESTI MESSAGGI?

L’applicabilità è trasversale, ogni settore ha spazi enormi e la cosa incredibile è che pochissimi imprenditori stiano approfittando di questo strumento per creare, coccolare e fidelizzare la propria clientela. 

COME GESTISCO LA MIA LISTA?

Iniziare con la programmazione dei contenuti (a seconda della tua attività: informativi, di tendenza, ecc) al fine di coinvolgere il tuo pubblico. È indispensabile programmare l’invio ed essere costanti nel tempo con almeno un nuovo contenuto a settimana.

La gestione della lista è un tema specifico che approfondirò in altri articoli. Se hai intenzione di compiere i primi passi descritti sopra (invio delle email) uno strumento gratuito (fino a 1000 contatti) che consente una programmazione relativamente semplice è Mailchimp: perfetto per iniziare subito a sviluppare il primo obiettivo (creare e alimentare la tua lista).

I CONTENUTI

Anche i contenuti sono un tema delicato che va approfondito a parte. Per iniziare, ricordati di:

  • condividere senza remore le tue conoscenze (saranno la chiave di accesso al tuo pubblico)
  • dare valore ai tuoi lettori (rispondi alla domanda che si pone il tuo lettore: che vantaggio avrò ad investire tempo nella lettura di questo articolo)
  • scrivere in modo semplice e diretto (uno a uno, il tuo lettore è una singola persona)
  • fare offerte dedicate
  • includere sempre una “call to action” (invita il tuo lettore a compiere un’azione – che sarà il vero obiettivo di quella comunicazione – ad esempio “leggi articolo” se vuoi portare traffico sul tuo blog, “ottieni promo” se vuoi dare uno sconto,  ecc…)

Ogni contenuto (Ariticolo, social post ecc) va programmato e pubblicato regolarmente secondo un piano editoriale e archiviato in uno spazio web tuo, ad esempio un blog. 

CONCLUSIONI

Oggi vorrei che ti concentrassi nel passaggio da 0 (zero) a 1: puoi utilizzare le informazioni che ti ho condiviso come stimolo per iniziare a creare la tua lista ad esempio offline (semplicemente chiedendo i contatti ai clienti). Questo ti consentirà di avere una leva comunicativa esponenzialmente più forte di molti altri strumenti (social, riviste, quotidiani ecc…) perché solo cosi potrai parlare direttamente ai tuoi clienti, dedicando attenzioni che, altrimenti, non sarebbe possibile gestire.

Una volta popolata la lista, per fare marketing in maniera mirata, con segmentazione del pubblico,  sequenze di email, azioni personalizzabili in funzione dei comportamenti, ecc.. esistono strumenti sofisticati (ad esempio Active Campaign o Clickfunnels). Di questi ne parlerò prossimamente. L’obiettivo di oggi è, come detto sopra, passare da 0 (zero) a 1.

Non ti resta che rimboccarti le maniche, trovare un vantaggio da dare al tuo pubblico in cambio del contatto email e legarti con chiunque entri in contatto con te!

PS. ricordati che la gestione dei dati dei clienti (persone fisiche) comporta che questi siano trattati secondo la normativa GDPR.

In particolare la gestione del cosiddetto terzo dato (ad esempio email o telefono) in aggiunta a nome e cognome rendono la persona fisica identificabile. È quindi fondamentale raccogliere il consenso al trattamento dei dati informando il cliente sulle modalità stesse di trattamento (se vuoi saperne di più si come gestire il GDPR scrivimi). 

Condividi questo contenuto:

2 commenti su “Generare e alimentare la lista clienti”

  1. Pingback: È (davvero) tutta colpa di Amazon? oppure il customer caring di negozio non è paragonabile ai grandi Marketplace online? | Giovanni Coda Mer

  2. Pingback: Innova e diversifica la tua attività | Giovanni Coda Mer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<div align="left"><h6><font color="white">INFORMATIVA<br><br> Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. I cookie di terze parti sono bloccati finché non vengono accettati cliccando sul pulsante "Accetto". <br>Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. <br><br></font></h6></div> Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi